L’austerità deprime. Ovvero la fallacia dell’ideologia tedesca

L’austerità deprime. Ovvero la fallacia dell’ideologia tedesca

1
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
-
CONDIVIDI
-

TH peroneCome conferma anche il recente dietrofront del Fondo Monetario Internazionale [1], le politiche di austerità imposte dalla Germania in questi anni hanno determinato una pericolosa e progressiva erosione della domanda interna, senza alcun effetto positivo sulla crescita. Le numerose stime dei moltiplicatori fiscali[2] – che misurano l’effetto di una variazione della spesa pubblica sul pil – hanno ormai dipanato i dubbi a riguardo. A ulteriore conferma dei danni dell’austerità, verifichiamo gli effetti medi complessivi dei tagli alla spesa pubblica e degli aumenti della pressione fiscale in 38 Paesi, avanzati ed emergenti. In particolare, mettiamo in relazione le variazioni nella dinamica dei deficit/surplus di bilancio dei Paesi considerati con le variazioni del rapporto debito/PIL, del PIL reale nazionale e del tasso di disoccupazione, nel periodo 2009-2013 (l’arco temporale immediatamente successivo alo scoppio della crisi finanziaria mondiale). I Paesi considerati sono i seguenti [3]:

 – Europa: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Rep. Ceca, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e UK;

– Asia: Cina, Giappone, Hong Kong, India, Indonesia, Israele, Malesia, Tailandia, Taiwan, Russia e Sud Corea;

– America: Argentina, Brasile, Canada, Messico e USA;

– Oceania: Australia e Nuova Zelanda;

– Africa: Sud Africa.

Nei grafici seguenti abbiamo cercato di stabilire, attraverso la regressione lineare, un nesso di causalità fra la dinamica dei deficit/surplus nazionali di bilancio (calcolata come sommatoria degli scostamenti assoluti % annui) e la dinamica del rapporto debito/PIL (computata  come scostamento %  medio  annuo).

1 Perone

Le due variabili (grafico 1) si presentano positivamente correlate: un maggiore consolidamento fiscale – cioè un eccesso della raccolta fiscale sulla spesa pubblica – determina in media un incremento del quoziente Debito/PIL. Il grafico segnala anche un altro importante aspetto inerente alla dinamica del debito pubblico: ad eccezione di 8 Paesi (Argentina, Brasile, India, Indonesia, Israele, Norvegia, Svezia e Svizzera), esso è stato sempre in costante crescita. E in questo ristretto gruppo non rinveniamo alcuna economia appartenente all’Eurozona, ravvisando la sola presenza della Svezia quale membro dell’UE. A ciò va aggiunto che i Paesi europei mostrano gli incrementi del debito più significativi e preoccupanti, attestandosi su un valore medio annuo del +4,03%, rispetto ad un modesto +1,18% degli altri Paesi.

2 Perone

Passando, invece, al PIL reale, notiamo chiaramente una relazione inversa con l’austerità e quindi con i consolidamenti fiscali, dal momento che al crescere della stretta fiscale, il reddito in media diminuisce. Inoltre, operando una semplice classificazione dei Paesi in europei ed esterni, notiamo una chiara divergenza in termini di crescita media: i primi fanno segnare un marginale incremento medio annuo dello 0,67%, mentre i secondi del 4,45%. In particolare, le performance peggiori hanno investito Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, con una media annua pari al -1,88%; mentre Polonia, Germania, Svezia e Svizzera hanno fatto registrare gli output più virtuosi. Una differenza sensibile che mostra come l’Europa e il resto delle economie avanzate/emergenti corrano a due velocità differenti. Quindi, risulta chiaro come un tale saggio di crescita esponga diversi Paesi europei (soprattutto della zona euro) a maggiori rischi di insolvenza sui debiti sovrani e alla necessità di far costantemente ricorso all’indebitamento sui mercati finanziari, finendo con l’innescare un circolo vizioso di difficile risoluzione.

 3 Perone

Infine consideriamo il tasso di disoccupazione. La relazione è manifestamente di segno positivo, nel senso che le politiche di austerità aumentano la disoccupazione. Inoltre, un altro dato interessante può essere desunto dalla distribuzione dei soli Paesi che hanno registrato un incremento del tasso di disoccupazione nella finestra temporale considerata: su 16 Stati rilevati, ben 14 appartengono al continente europeo (con una crescita media del 3,41%), mentre 9 possono essere ricondotti all’Eurozona, con un incremento medio del 4,83%.

Riassumendo, anche questa analisi tecnica conferma le tesi sostenute da molto tempo da questa rivista[5]: i tagli della spesa pubblica e gli incrementi della pressione fiscale deprimono l’economia, bloccando ogni speranza di crescita. Questo risulta particolarmente grave per le economie europee, dove le divergenze fra “centri” e “periferie” si stanno sempre più acuendo, minando la sostenibilità della zona euro. Infatti, come è possibile verificare dai grafici, le periferie europee sono quelle che manifestano le maggiori sofferenze[6].

Tuttavia, le resistenze della Germania al cambiamento delle politiche economiche in Europa appaiono serrate; secondo l’approccio economico liberista (che costituisce il “mainstream”), un incremento della spesa pubblica si rivelerebbe infruttuoso – se non addirittura dannoso – ai fini del rilancio dell’economia [7]. Così, perpetuando l’idea che l’offerta possa creare da sola la propria domanda e dimenticando un dato fondamentale della congiuntura economica attuale: la carenza sistemica di commesse e ordinativi alle imprese determinato dai tagli alla spesa pubblica. Dato essenziale, che viene spesso ignorato per giustificare anche un altro mantra della dottrina prevalente, ossia la necessità di liberalizzare il mercato del lavoro nell’auspicio di incrementare le assunzioni. Un’operazione che, considerate le condizioni attuali, non può avere successo [8].

In definitiva, piuttosto che intervenire dal lato dell’offerta, si dovrebbe stimolare adeguatamente la domanda e abbandonare quel sistema di vincoli e Trattati che sta facendo dilagare la disoccupazione e compromette la tenuta del progetto di unione europea[9].

 

[1] L’ FMI ha  di recente aperto alla possibilità di politiche espansive indirizzate agli investimenti in nuove infrastrutture pubbliche. Secondo un recente studio (realizzato su un campione di economie industrializzate), ogni incremento % unitario della spesa per investimenti (ponderata sul PIL) accrescerebbe la produzione finale dello 0,4% nel medesimo anno, lievitando sino all’ 1,5% nel quarto anno successivo all’investimento. Per maggiori delucidazioni si rinvia all’ultimo policy paper, “Legacies, Clouds, Uncertainties”, pubblicato dal FMI nel tradizionale World Economic Outlook di Ottobre (2014).
[2] Si veda soprattutto Blanchard, O. J., & Leigh, D. (2013). Growth forecast errors and fiscal multipliers (No. w18779). National Bureau of Economic Research.
[3] I Paesi oggetto dell’analisi sono stati scelti rispettando due criteri specifici: il limite inferiore minimo dei 150 miliardi per il PIL e una copertura adeguata delle realtà economiche mondiali industrializzate ed emergenti. Si è cercato di ottenere un panel di Paesi il più possibile omogeneo, comparabile e al tempo stesso rappresentativo. In particolare, l’esercizio empirico proposto annovera 38 medio/grandi economie, con un PIL (PPA) complessivo pari all’84,91% di quello mondiale (Ns. elaborazioni su dati FMI).
[4]  La differenza è probabilmente determinata dalla presenza di Paesi potenzialmente“distorsivi”, che non hanno conosciuto una vera e propria fase recessiva.
[5] Ad esempio rinvio alla Lettera degli economisti del 2010 e al mio  “Gli effetti dell’austerity: un confronto internazionale” del 31 luglio 2014.
[6] A riguardo rinvio al recente articolo di Riccardo Realfonzo e Angelantonio Viscione su “Eurocrisi, il conto alla rovescia non si è fermato”.
[7] Alesina, A., & Ardagna, S. (2010), Large changes in fiscal policy: taxes versus spending, in Tax Policy and the Economy, Volume 24 (pp. 35-68). The University of Chicago Press.
[8] Per ulteriori approfondimenti: Realfonzo R., & Tortorella G. (2014), “Gli insuccessi nella  liberalizzazione del lavoro a termine, new.economiaepolitica.it.
[9] Come chiarito dal “monito degli economisti” pubblicato dal Financial Times nel settembre 2013.

1 COMMENTO

  1. Non si capisce quali possano essere le vere motivazioni che portano i paesi europei a continuare a portare avanti una politica di austerità. Non solo, ma non si capisce nemmeno per quali ragioni, se non di natura puramente ideologica, si debba credere che per incrementare l’occupazione, dobbiamo assolutamente ridare fiato alle imprese. E’ strano infatti che la nostra storia di questi ultimi 50 anni non ci abbiano assolutamente insegnato nulla. Se si continua a credere alla favola di Pinocchio, allora dovremmo dire ai cittadini di prendere 6 monete d’oro e seppellirli sotto terra in un piccolo giardino e aspettare che cresca un albero carico di monete d’oro, come aveva fatto il gatto e la volpe che convinsero così Pinocchio che quello era l’unico modo per arricchirsi. Nonostante la memoria, che purtroppo troppi governanti hanno pensato di cancellare, e nonostante gli studi che molti di noi hanno fatto, nessuno più può credere che per produrre beni e servizi sia necessario regalare denaro alle imprese e calci in faccia ai lavoratori. Come dicono ancora oggi i saggi, per mangiare patate si devono produrre patate. E conseguentemente, nessuno può credere che sia possibile consumare quello di cui abbiamo bisogno se non lo si produce (ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria). E non mi basta dire solo questo, ma dovremmo assolutamente guardare all’economia non come un bene astratto, fine a se stesso, ma come un bene al servizio dell’uomo. Ma chi se ne frega di produrre qualcosa se poi quella produzione non viene consumata. A cosa servirebbe alla nostra società di continuare lo scontro tra produzione e consumo. Sono due facce diverse della stessa medaglia. Il problema che abbiamo di fronte è una profonda crisi che mette in contrapposizione interessi diversi (qualcuno parla ancora di interessi di classi) tra chi utilizza la produzione per avere maggiori profitto e chi invece lavoro (e vuole lavorare) per produrre semplicemente quello che deve consumare per soddisfare i propri bisogni. Ma questa contraddizione è quella del sistema economico politico e sociale che un giorno si chiamava semplicemente capitalistico, anche se oggi qualcuno si spaventa di questa parola. Questo sistema è al collasso e non riesce più a reggere e si sta autodistruggendo. Non saranno le nostre battaglie a convincere i governi a modificare la politica di austerità, ma come è sempre accaduto nella storia dell’umanità, i sistemi sociali, economici e politici nascono, si sviluppano ma poi una volta raggiunto il massimo delle loro capacità vanno verso la loro distruzione. E’ un fenomeno naturale, che è sempre accaduto e sempre accadrà.

LASCIA UN COMMENTO