Stampa questo Articolo/Pagina

Si ritorna ai fondamentali

Francesco Garibaldo - 03 Agosto 2010

Si ritorna ai fondamentali. Sin dalla rivoluzione francese si aprì una differenza tra una sinistra che guarda ai diritti politici e civili, dei singoli, e una sinistra che guarda ai diritti sociali che, per loro natura, sono godibili solo collettivamente. I diritti sociali nascono ed esistono solo in quanto consentono di non fare integralmente dipendere le condizioni di vita e di lavoro, di chi vive del proprio lavoro, dalle “esigenze del mercato”. La nostra civiltà del ‘900 si è progressivamente costruita sul consenso a questa opzione; il conflitto riguardava principalmente i limiti materiali ai diritti sociali. D’altronde bisognerebbe ricordare il Keynes delle “Possibilità economiche per i nostri nipoti”.

Il discorso di Marchionne e le sue azioni conseguenti e coerenti, cioè la strategia operativa tesa a frantumare formalmente il sistema di relazioni industriali italiano in contratti aziendali e/o di settore, vogliono liquidare tutto ciò. Se, infatti, il suo programma si realizzasse avremmo un sistema industriale in cui, per definizione, non può esistere alcun bene tutelabile se non che la difesa della posizione competitiva di ogni singola azienda; la condizione di lavoro è sempre e solo una funzione dell’impresa, senza più alcun limite verso il basso. La flessibilità operativa e la produttività sono solo una scusa; la FIOM e la CGIL non hanno mai negato la possibilità di negoziare un compromesso su questi temi. I compromessi sono negoziati e quindi sottoposti a limiti e condizioni; ciò non basta più. Si consideri inoltre che la NEWCO non riassumerà i lavoratori in blocco, sarebbe un trasferimento sottoposto ai vincoli del codice civile, ma assumerà man mano quei lavoratori, in numero e qualità, di cui riterrà di avere bisogno, se firmano individualmente il nuovo contratto; lasciando presumibilmente nella vecchia società gli altri, sino allo spirare degli ammortizzatori sociali, qualora non firmassero o non ve ne fosse bisogno. Vi sarebbe quindi anche una aperta discriminazione sindacale e ideologica.

E, come dimostra l’incredibile intervista di Marini, la sinistra, soi disant, politica prende le distanze dalla sinistra sociale. Il “mondo del lavoro” si trasforma sì nel “mondo dei lavori”, nel senso che vi saranno lavori di diversa caratura, a seconda della loro esposizione alla concorrenza internazionale; e ciò rappresenterebbe “un salutare scossone”.

In realtà il discorso di Marchionne è materialmente e teoricamente inconsistente, è una favola ideologica. Non esiste una concorrenza internazionale, intesa come un sistema idraulico integrato, come pensa ingenuamente Scalfari, ma una combinazione di diverse forme di divisione internazionale del lavoro e di diverse modalità competitive. L’industria dell’auto tedesca, ad esempio, ha un posizionamento competitivo che le consente di non pretendere la liquidazione tout court del sistema precedente ma di riposizionarlo verso il basso. La linea Marchionne in realtà non è l’adeguamento alle regole del mercato ma, come ha ben argomentato Halevi sul Manifesto, una strada che “rovina il mercato”. Essa è anche figlia dell’incapacità della FIAT e dei governi italiani a posizionarsi nei mercati asiatici.

Infine la favola di Marchionne nasconde il fatto che se non ci fossero determinate condizioni istituzionali, la FIAT non avrebbe potuto fare nulla di ciò che ha fatto e sta facendo.

Infatti, l’acquisizione gratuita della Chrysler, che ha salvato la FIAT, non sarebbe stata possibile senza una politica interventista dell’amministrazione Obama;  la possibilità, inoltre, di avere una presenza nei nuovi mercati dei veicoli elettrici dipende dal “piano industriale della stessa amministrazione; cosa c’entra il mercato? Il rilancio su Pomigliano e poi su Torino, sono stati possibili dalle politiche di dumping sociale e fiscale dei governi Polacco e Serbo, a loro volta possibili grazie alla linea liberista dell’Unione Europea; cosa c’entra il mercato? Senza l’acquiescenza del governo italiano, impegnato nel sostegno ai settori del capitalismo italiano incapaci di competere se non che sui costi, e di CISL e UIL la scommessa sarebbe stata ben più complicata.

Infine la sinistra politica seguirà Marini? Se non è così, è ora di dirlo senza se e senza ma per aprire in Italia una vera opposizione, cioè una messa in discussione del “complesso economico-politico finanziario” che la governa, con qualche indifferenza a chi formalmente guida il governo.

6 Commenti


  1. tiziano scrive:

    Se non c’entra il mercato cosa è che c’entra? Che cosa fa accettare ai lavoratori polacchi e serbi condizioni inaccettabili se non la disoccupazione? Il mercato c’entra perchè con la globalizzazione nel mercato globalizzato del lavoro i lavoratori dell’occidente sono messi in concorrenza con la forza lavoro dei paesi più poveri del mondo.


  2. mariangela scrive:

    sono d’accordo con tiziano.


  3. Italo scrive:

    Il punto su cui insiste Garibaldo è che il mercato non si concepisce senza uno Stato che ne permette il funzionamento in un modo o in un altro. Cioè anche l’apertura di un mercato è il frutto di politiche economiche, cioè di una scelta di una istituzione politica.


  4. umberto scrive:

    Il problema è che non esiste un mercato completamente libero, naturalmente autoregolantesi. Il mercato capitalistico è frutto di scelte politiche e sociali di chi detiene il potere economico. Le cosiddette regole del mercato di cui parla l’Ue o Marchionne o Berlusconi, sono state storicamente arginate dalle politiche keynesiane, le quali hanno così dimostrato la loro non naturalità e la loro dipendenza da scelte politiche. Il keynesismo è entrato storicamente in crisi anche perchè le classi sociali egemoni vedevano in esso, una seria minaccia per la loro egemonia sulla società e sui lavoratori. Secondo il mio modestissimo parere,se ora il mercato sembra invincibile è per la scelta delle classi dominanti di degradare il lavoro ad una condizione semiservile e totalmente subalterna ai loro interessi, per ribadire il loro potere sulla società. Di conseguenza vengono eliminate tutte le garanzie e i diritti sociali conquistati nelle epoche precedenti, per tornare ad un capitalismo stile Ottocento.


  5. angelo padovano scrive:

    È principio riconosciuto quello secondo cui una concorrenza leale richiede che si parta dalle stesse condizioni. Le diversità di domanda sociale di una Europa cresciuta troppo in fretta dal punto di vista dell’integrazione del libero mercato mettono oggi a serio rischio le conquiste raggiunte anche attraverso le lotte dei lavoratori nella storia di paesi come l’Italia. Non mi scaglierei contro gli imprenditori, i quali in uno scenario di libera concorrenza non fanno altro che comparare il costo dei fattori produttivi, ottimizzandone la combinazione, anche attraverso la localizzazione delle iniziative produttive. Il vero fallimento è quello delle troppo generosamente glorificate menti delle classi politiche che hanno condotto ad un contesto in cui diventa necessario rimettere in gioco gli standard di benessere sociale raggiunti dai paesi avanzati per mediare con altre società in cui il benessere non cè solo perché non cè stato il tempo affinché se ne sviluppasse la domanda. Una realtà del genere pone una dura alternativa che molto verosimilmente caratterizzerà gli anni a venire tra: la riproposizione di politiche protezionistiche da parte di colalizioni di paesi gelosi delle proprie conquiste sociali e la scelta di abbandonarsi totalmente ad un libero mercato incontrollato, caratterizzato dal massacro sociale e dalla guerra tra i poveri, nel quale vincerà il più povero e le società avranno un livellamento verso il basso.


  6. martelun scrive:

    con lo stop alla trattativa che si svolgeva a Torino per le carrozzerie di Mirafiori, si capisce l’obiettivo della fiat di sergio marchionni, quale è :eliminazione del contratto nazionale.
    il contratto regolamenta il salario e le condizioni di lavoro degli operai, quindi si attaccano i salari, cercando di ridurli ed ottenere più profitti; le condizioni di lavoro, peggiorandoli eliminando il più possibile i diritti (pause di lavoro, spostando la mensa a fine turno e cosi via)e sull’orario di lavoro che si gioca l’ulteriore profitto che si sposta dal Lavoro al Capitale.
    questo è la fiat di sergio marchionni, nel 2010 non fa che ripetere l’azione del Capitale dell’ottocento.
    http://www.progettoalternativo.com/

Lascia un commento