I parametri di deficitarietà strutturale dei Comuni. Una proposta

L’attuale impianto parametrale per l’individuazione dei deficit strutturali di bilancio Per capire se i conti dei Comuni sono in ordine ci si affida ad un sistema di indicatori, revisionato di recente, che evidenzia i casi di deficit strutturali di bilancio…Leggi tutto

Come misurare il debito pubblico | Montella – Mostacci

Il debito pubblico non è un indicatore esaustivo dell’esposizione finanziaria del settore pubblico e va affiancato ad altre grandezze come, ad esempio, le passività finanziarie.   Il debito pubblico non tiene conto degli esborsi futuri sui contratti derivati e i…Leggi tutto

Squilibri europei e indicatori statistici: una proposta di integrazione

Gli squilibri macroeconomici europei sono un problema enorme per la tenuta stessa dell’Unione. In questo articolo presentiamo una proposta per migliorare gli indicatori statistici che dovrebbero rilevarli affinché non trascurino una componente sempre più rilevante nelle nostre economie, quella finanziaria.…Leggi tutto

La misura corretta del debito pubblico

Il debito pubblico di un paese non dovrebbe essere rapportato solo al Pil, ma anche ad indicatori più coerenti per determinarne la solvibilità come il patrimonio netto del totale dell’economia. Un conto patrimoniale completo non è stato però ancora prodotto…Leggi tutto

Un indicatore degli squilibri macroeconomici nell’UE

Il monitoraggio degli squilibri macroeconomici è uno degli strumenti di sorveglianza per il coordinamento delle politiche economiche affidati alla Commissione europea dopo la crisi finanziaria del 2008[1]. Secondo la definizione adottata, uno squilibrio è ogni tendenza che possa determinare sviluppi…Leggi tutto

I modesti effetti degli 80 euro in busta paga

Il bonus fiscale di 80 euro mensili, che ha rappresentato uno slogan comunicativo di grande impatto mediatico, corrisponde a un importo massimo di 640 euro per il 2014 ed è riservato ai lavoratori dipendenti e assimilati che hanno un reddito…Leggi tutto

Le conseguenze della crisi per le famiglie e le imprese

In assenza di una politica fiscale comune, e privi di sovranità sulla loro politica monetaria e del cambio, gli stati europei, caratterizzati da una struttura economica eterogenea, hanno reagito in maniera differente alla crisi economica. Ciò ha finito per aumentare…Leggi tutto

Per un piano di investimenti pubblici in settori strategici

I Conti nazionali annuali dell’Istat costringono a tracciare uno scenario macroeconomico e di finanza pubblica tutt’altro che ottimistico. Alla fine del 2013, rispetto al 2008, il Pil al netto delle imposte indirette (il cosiddetto valore aggiunto ai prezzi base) è…Leggi tutto