Un altro spread: competitività e inflazione

C’è un altro spread che dovrebbe preoccuparci oltre a quello sui rendimenti dei debito pubblico: il gap di competitività tra l’Italia e gli altri paesi europei. La necessità di investimenti pubblici e politiche industriali non è più rinviabile.   In…Leggi tutto

Uscire dall’euro non conviene all’Italia e all’Europa

Prosegue il dibattito sugli effetti di una uscita dall’euro promosso da economiaepolitica.it. Dopo l’intervento iniziale di Realfonzo e Viscione e i commenti di Biasco, del Keynes blog, di Zezza, Gallegati e Visco, interviene ora l’economista Paolo Guerrieri. A suo avviso,…Leggi tutto

Euroexit e salari

Prosegue il dibattito suscitato dallo studio di Realfonzo e Viscione che ha messo in luce gli effetti positivi di una uscita dall’euro ma anche i rischi per il mondo del lavoro. Dopo gli interventi di Salvatore Biasco e del Keynes…Leggi tutto

Quantitative Easing, dopo di me il diluvio?

Le promesse di ripresa dell’Eurozona per il 2014 non si sono materializzate, come i più avveduti si attendevano[1], mentre hanno preso concretezza quelle di deflazione. Durante il 2014 Draghi aveva ripetutamente annunciato misure più drastiche per sostenere l’Eurozona. Il 22 gennaio…Leggi tutto

Anamorfosi dello “spread”

1. Una prospettiva fuorviante. L’anamorfosi costituisce una tecnica di raffigurazione di un oggetto secondo una prospettiva diversa da quella centrale, in modo che l’oggetto principale venga rappresentato in una visione appositamente deformata che lo nasconde. In questo senso, attraverso la…Leggi tutto

Uscire o no dall’euro: gli effetti sui salari

Uno studio sugli effetti salariali e distributivi della permanenza o dell’uscita dall’euro. Il pericolo di una “grande inflazione” in caso di uscita, evocato da Draghi, non trova riscontri adeguati. Ma anche l’opinione secondo cui gli effetti salariali e distributivi di…Leggi tutto

Lo spettro della deflazione e la BCE

1. Sia il Rapporto Annuale della BCE che alcune recenti dichiarazioni di Draghi hanno richiamato l’attenzione sul rischio di una deflazione cumulativa nell’area dell’euro. In sé ovviamente la caduta dei prezzi non è un fatto negativo. Ad esempio, a parità…Leggi tutto