Un quantitative easing per i mercati azionari e non per l’occupazione

La decisione della Banca centrale europea di procedere per 19 mesi all’acquisto di un totale di 1.140 miliardi di euro in titoli privati e soprattutto di stato dell’area euro è stata presentata come una misura tesa a rilanciare l’economia e…Leggi tutto

Bonus fiscale da 200 euro (non 80). Ecco come

da Left, 12 luglio 2014 Così cambierebbe la nostra vita senza il fiscal compact Un referendum mette in discussione il fiscal compact. Per liberare 77 miliardi bloccati dall’Europa dell’austerity. E investirli nel nostro futuro. L’Unione europea ha deciso di porre…Leggi tutto

The Western World in the Wealth Trap*

After years of austerity, the economy does not restart, unemployment is rising and government budgets are worsening (even in countries such as Spain with a low public debt-to-GDP ratio before the “financial crisis”). Policy makers have intervened to “save” the…Leggi tutto

L’austerity e i problemi strutturali italiani

Il minimo che ci si aspetterebbe da una politica di risanamento dei conti pubblici è che sia almeno consistente col proprio obiettivo, rendendo più sostenibili (qualsiasi cosa questo concetto significhi) le finanze pubbliche. Andando oltre, è lecito chiedersi se gli…Leggi tutto

Il baratto del governo sulla legge di stabilità

A sentire le parole del presidente Letta e del titolare del dicastero dell’economia sembrerebbe che l’Italia abbia deciso di disobbedire ai diktat di Bruxelles in tema di contenimento della spesa, concedendosi qualche licenza dal lato delle politiche espansive finalizzate alla…Leggi tutto

Economic recession and suicide in Italy

In his famous book, “Le Suicide. Étude de Sociologie” (1897), Emile Durkheim examined the relationship between industrial and financial crises and suicide rate. According the French sociologist, however, suicide is a complex social phenomenon, since an increase in suicide rate…Leggi tutto

L’euro sta un po’ meglio, l’Europa no

Non è semplice ordinare le idee e dare una lettura chiara a ciò che è accaduto e sta accadendo in Europa. Si potrebbe affermare però che siamo entrati in una nuova fase con caratteristiche diverse rispetto a quelle di un…Leggi tutto

Per una terza via tra austerità e populismo

Nel decreto Salva-Italia del dicembre 2011, il Governo aveva enunciato l’obiettivo di ridurre il deficit pubblico per il 2012 all’1,6% del Pil e di annullarlo nel 2013 e aveva stimato una flessione del Pil dello 0,4% nel 2012, seguita da…Leggi tutto